Il buco nero è nudo

E’ il risultato della fusione di due galassie, la più grande ha distrutto quasi completamente l’altra, lasciandone solo il cuore: un buco nero ormai spoglio dei gas e dei materiali che lo circondavano. Questo quanto osservato da un team di astronomi grazie al Very Long Baseline Array (VLBA) alla ricerca di coppie di buchi neri […]

Read More

Il menù di un buco nero

La presenza di  buchi neri supermassicci al centro delle Galassie è cosa nota, ma gli scienziati si continuano ad interrogare su cosa mangiano, su cosa li fa accrescere nel tempo. Un gruppo di ricercatori dell’università di Tokyo, con i dati dell’Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), ha individuato il pasto “preferito” dei buchi neri: si tratta […]

Read More

Buchi neri non del tutto neri

Nonostante la definizione “classica” di buco nero dica che nulla, nemmeno la luce, sfugge alla sua gravità, nel 1974 una teoria di Stephen Hawking ipotizzò che questo non fosse del tutto vero e che una minima parte di radiazione dovrebbe riuscire a venir fuori. La sensibilità necessaria per effettuare l’esperimento capace di verificare questa teoria […]

Read More

L’ultimo sguardo di Hitomi

Di Hitomi, il satellite giapponese che e’ esploso un mese dopo il lancio, ci rimarrà solo questo articolo pubblicato su Nature ma che farà comunque parlare di sé. Prima della distruzione per una manovra errata, Il satellite e’ riuscito a raccogliere ottimi dati dall’ammasso di galassie nella costellazione di Perseo e della galassia più grande […]

Read More

Swift svela altri dettagli del pasto di un buco nero

Cinque anni fa era stato osservato come una stella venisse dilaniata dal buco nero chiamato Swift J1644+57 prima della caduta all’interno dell’oggetto compatto. Adesso uno studio pubblicato su Nature fa luce su quello che accade una ventina di giorni dopo l’evento distruttivo: un emissione di raggi X che corrispondono alla presenza di ferro nel disco […]

Read More

Capelli soffici per i buchi neri

Stephen Hawking teorizzò negli anni ‘70 che un buco nero distrugge tutte le informazioni sul corpo celeste che lo ha formato e su gli altri corpi che ha distrutto. Questa teoria viene riassunta dal No hair theorem. Adesso Hawking e i suoi collaboratori ci ripensano e  propongono una soffice chioma (soft hair nell’originale) di fotoni […]

Read More

I nonni dei buchi neri

Un team di ricercatori italiani, grazie ad un modello matematico e ai dati dei satelliti Chandra, Hubble e Spitzer, due buchi neri che potrebbero essere gli antenati dei buchi neri che osserviamo oggi. Si stima che i due buchi neri si siano formati meno di un miliardo di anni dopo il Big Bang, troppo presto […]

Read More

Un curioso allineamento di buchi neri

Una ricerca condotta da astronomi sudafricani ha osservato i getti emessi da circa 65 radio galassie in una determinata zona dell’universo scoprendo che la maggior parte di essi tende ad orientarsi verso una direzione comune. I getti vengono emessi dal buco nero centrale e sono solitamente orientati seguendo l’asse di rotazione della galassia. Dato che […]

Read More

Il più brillante dei quasar

Con l’aiuto del radiotelescopio montato sul satellite russo Spektr-R, la missione RadioAstron è riuscita ad osservare una forte emissione radio, la più brillante osservata, nelle regioni che circondano il quasar 3C273. La missione RadioAstron contribuisce ad un network di radiotelescopi  che combinano in rete i loro segnali costituendo un gigantesco telescopio virtuale. Con questa tecnologia, […]

Read More

Lampo radio o buco nero?

Dopo la scoperta della galassia ospite (qui) e aver osservato la ripetizione di uno di questi fenomeni (qui), si susseguano le interpretazioni su i Fast Radio Burst. Edo Berger e Peter Williams, ricercatori di Harvard, hanno osservato a fondo la galassia ospite del FRB rivelando un segnale che non si è mai spento dalla prima […]

Read More
Pagina 1 di 212