Indumenti termici realizzati con la stampante 3-D

La maggior parte del consumo elettrico che si registra nei caldi mesi estivi è dovuto alla climatizzazione. Una possibile soluzione per ridurre tali consumi è la realizzazione di indumenti che permettano un’efficiente controllo locale della temperatura. Ricercatori dell’Università del Maryland hanno realizzato un tessuto con una capacità di regolazione termica del 55% superiore a quella del cotone. Utilizzando una stampante 3-D hanno fabbricato nanofibre di un materiale composito ottenuto da un polimero, l’alcol polivinilico (PVA), e da nanofogli di nitruro di boro (BN), in pratica la forma cristallina bidimensionale del nitruro di boro esagonale (h-BN). Questi nanofogli presentano una elevata conduttività termica lungo la superficie che è stata sfruttata grazie ad un loro ottimale allineamento ottenuto attraverso la sonicazione in presenza di PVA. Tale dispersione è stata poi utilizzata per realizzare le fibre composite con cui si è fabbricato un tessuto intrecciato, il quale presentava un efficace capacità di raffreddamento, con una conduttività termica due volte superiore a quella dei tessuti di cotone, oltre ad un’ottima resistenza meccanica.

Maggiori info su Phys.org, mentre la ricerca è stata pubblicata su ACS Nano.

 


NOTIZIE CORRELATE


Batteri e nanofibre

Giubbotti antiproiettile più resistenti grazie alle nanotecnologie

La carta del futuro

Indumenti termici realizzati con la stampante 3-D