Primi segnali di ripresa per i coralli

La grande barriera corallina australiana ha subito eventi di sbiancamento nel 2016 e 2017 che hanno posto domande sulla sopravvivenza dei coralli stessi. Tuttavia, una recente esplorazione condotta da un team di ricercatori dell’AIMS (Australian Institute of Marine Science) per valutare la sopravvivenza dei coralli ha riscontrato la presenza di piccole uova nelle barriere coralline tra Cairns e Townsville. Le uova dovrebbero essere fecondate durante la luna piena del 5 dicembre. I ricercatori hanno prelevato campioni da sei specie di corallo per cercare di capire come il recupero sia potuto essere così veloce. Infatti, precedentemente i coralli avevano impiegato da due a tre anni per riprendere a riprodursi dopo eventi di sbiancamento. Inoltre, benché i ricercatori abbiano riscontrato che i coralli hanno ripreso il colore originario ben oltre le previsioni, tuttavia le specie più sensibili sono adesso ancora più rare di prima. Per saperne di più leggi AIMS news.



 

NOTIZIE CORRELATE


Risolto il mistero del cratere Siberiano

I tropici non sono più serbatoi di carbonio

Primi segnali di ripresa per i coralli

I fiordi intrappolano grandi quantità di carbonio