A caccia di farmaci contro il glioblastoma

 

Il glioblastoma è un cancro del cervello molto aggressivo. Non è ancora disponibile una cura definitiva. Uno studio pubblicato su Nature ha utilizzato uno screening per dimostrare che le capacità di adattamento e sopravvivenza di questo tumore in vivo sono ben diversi da quelle in vitro. In vivo il glioblastoma esprime geni codificanti per fattori di trascrizioni, elongazione e pausa che sono necessari per adattarsi alla crescita nel microambiente tumorale. Dallo screening gli autori hanno identificato un nuovo possibile bersaglio terapeutico, JMJD6.



 

NOTIZIE CORRELATE


Rivisitato il modello gerarchico della ematopoiesi

Obesità ed eredità paterna: una questione di epigenetica?

Un nuovo modello animale per studiare la nicchia delle cellule staminali ematopoietiche umane

Nella nicchia delle cellule staminali leucemiche