La vitamina A fa bene alle cellule staminali ematopoietiche

Uno studio pubblicato su Cell Stem Cells identifica le differenze genetiche e molecolari tra una cellula staminale ematopoietica “dormiente”, quella all’apice dello sviluppo di tutte le cellule del sangue, e una cellula staminale ematopoietica “attiva” che regolarmente si divide per dare luogo a cellule figlie. La cellula staminale dormiente è sensibile alla azione dell’acido retinoico, la vitamina A. Studi in modelli animali sottoposti a una dieta priva di vitamina A hanno dimostrato che in questi topi le cellule staminali ematopoietiche non erano in grado di ritornare allo stato dormiente dopo aver subito uno stress. Questi dati dimostrano l’importanza della vitamina A nel meccanismo noto come plasticità staminale.



NOTIZIE CORRELATE


Il cuore in un chip

Come ripristinare la vista?

Nessun progresso sulla generazione delle cellule staminali STAP

Un nuovo modello animale per studiare la nicchia delle cellule staminali ematopoietiche umane