La vitamina A fa bene alle cellule staminali ematopoietiche

Uno studio pubblicato su Cell Stem Cells identifica le differenze genetiche e molecolari tra una cellula staminale ematopoietica “dormiente”, quella all’apice dello sviluppo di tutte le cellule del sangue, e una cellula staminale ematopoietica “attiva” che regolarmente si divide per dare luogo a cellule figlie. La cellula staminale dormiente è sensibile alla azione dell’acido retinoico, la vitamina A. Studi in modelli animali sottoposti a una dieta priva di vitamina A hanno dimostrato che in questi topi le cellule staminali ematopoietiche non erano in grado di ritornare allo stato dormiente dopo aver subito uno stress. Questi dati dimostrano l’importanza della vitamina A nel meccanismo noto come plasticità staminale.



NOTIZIE CORRELATE


Un organoide per studiare il rene in vitro

Che fine hanno fatto i 3 milioni di Euro stanziati dal governo Italiano per finanziare la sperimentazione clinica Stamina?

Cellule della pelle possono essere riprogrammate in precursori della placenta

Retina creata in laboratorio