In Italia parte la sperimentazione clinica delle cellule staminali per il trattamento della sclerosi multipla

Ottenute tutte le approvazioni necessarie per far partire la sperimentazione clinica di tipo I per l’uso di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla. Le cellule staminali sono isolate dal sistema nervoso centrale di feti deceduti per cause naturali secondo procedure GMP nei laboratori di Terni. La sperimentazione coinvolge l’associazione Revert Onlus, il centro di medicina rigenerativa dell’IRCCS Casa Sollievo Della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, l’Azienda Ospedaliera di Terni, lo Swiss Institute for Regenerative Medicine e l’Ospedale di Lugano.  Il protocollo durerà 6 anni e prevede il reclutamento di 15 pazienti. Leggi il comunicato stampo su La Repubblica.



 

NOTIZIE CORRELATE


Come ripristinare la vista?     

Taglia e cuci CRISPR/Cas9 per curare la Beta Talassemia

Il farmaco Gilenya protegge i pazienti affetti dalla sclerosi multipla dalla degenerazione neuronale

Il cuore in un chip