Rilascio di CO2 dal permafrost in Alaska

Uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences continua a confermare che il permafrost, cioè il suolo congelato delle zone artiche, sta rilasciando quantità sempre maggiori di CO2 nellaria, soprattutto in autunno quando non si ricongela più a causa delle temperature non sufficientemente basse. Lo studio, che si basa su misure da aereo di CO2 e metano nonché misure effettuate a Barrow in Alaska tra il 2012 e il 2014, ha riscontrato che lo stato ha emesso lequivalente di 220 milioni di tonnellate di CO2 da fonti biologiche (esclusi combustibili fossili e incendi). Inoltre la ricerca ha riscontrato che le emissioni di CO2 nella tundra che circonda la stazione di Barrow sono aumentate del 73% 1975. Per saperne di più leggi Science Alert.



NOTIZIE CORRELATE


L’acidificazione degli oceani nuoce alla barriera corallina ma può essere invertita

Alghe alleate dei coralli contro le stelle marine

Diminuzione della biodiversità

Mappatura interattiva degli incendi della California