E la cometa cambia colore

 

Lo studio a lungo termine di una cometa, condotto per la prima volta nella storia dalla sonda ESA Rosetta, ha portato ad una vera rivoluzione nelle conoscenze riguardanti questi oggetti del Sistema Solare.

Un nuovo studio, pubblicato su Icarus, ha messo in evidenza che la diversa distanza dal Sole modifica in maniera sostanziale anche la composizione superficiale della cometa 67P e, di conseguenza, il suo colore.

In alcune regioni la quantità di luce riflessa misurata dallo strumento italiano VIRTIS è salita dal 6% al 9% grazie agli strati di ghiaccio che sono stati sempre più esposti.

Spacecraft: ESA/ATG medialab; Data: ESA/Rosetta/VIRTIS/INAF-IAPS/OBS DE PARIS-LESIA/DLR; G. Filacchione et al (2016)

Spacecraft: ESA/ATG medialab; Data: ESA/Rosetta/VIRTIS/INAF-IAPS/OBS DE PARIS-LESIA/DLR; G. Filacchione et al (2016)



 

NOTIZIE CORRELATE


Addio a Philae

Rosetta continua a raccontarci nuove storie sulle comete

La scienza di Philae

Rosetta ed i cambiamenti delle comete